Ryu, il ragazzo delle caverne

Ryu, il ragazzo delle caverne è un anime giapponese del 1971. E’ tratto da un manga del 1969/1970 di Shotari Ishinomori (il quale è entrato nel Guinness dei primati, come autore di fumetti con il maggior numero di tavole pubblicate; è autore di Hela Supergirl, Chobin il principe stellare, Cyborg 009).  Sono presenti delle differenze tra la versione cartacea e l’anime, nella seconda versione infatti vengono eliminati gli elementi fantascientifici del fumetto. La serie anime si compone di 22 episodi.

Nel 1979 è stato pubblicato il singolo che includeva le due sigle dell’anime, quella di apertura e quella di chiusura. La prima, la sigla iniziale dell’anime, sul lato A del disco, si intitola “Ryu, il ragazzo delle caverne” . Il brano è stato inciso da Roberto Fogu, in arte Fogus, il testo è stato scritto da Marcello Casco, Paolo Lepore e Paolo Moroni, su musiche originali della versione giapponese scritte da Jun Oshio e Takeo Watanabe. Sul lato B, invece, era presente la sigla di chiusura, che si intitola “Un milione d’anni fa”. Il brano musicale è cantato da Georgia Lepore, e il testo della canzone è stato scritto da Marcello Casco, Paolo Lepore e Paolo Moroni. Anche per questo brano sono state utilizzate le musiche originali dell’anime scritte sempre da Jun Oshio e Takeo Watanabe.

Ryu, il ragazzo delle caverne – sigla di apertura

Ryu

Un mondo ostile,
che a tutti quanti paura fa,
solo un ragazzo va,
è Ryu, grande Ryu!

Ryu va’, Ryu va’,
ragazzo senza età,
col cuore in gola,
va’ che presto finirà!

Non avere paura mai,
corri corri e vai che laggiù,
risplende il sole per Ryu,
Ryu il grande Ryu!

 

Un milione di anni fa – sigla di chiusura

Ryu

Un milione d’ anni fa,
o forse due,
c’era chi, parlava al vento ed alle stelle,
era Ryu, ragazzo che nel cuore aveva,
favole, favole, per chi le saprà sognare!
Fantasie lontane di un mondo antico,
la poesia che torna da quel passato,
storie che noi viviamo,
che viviamo tutti con Ryu.
Ryu…

Precedente Il fantastico mondo di Paul Successivo Street Sharks, quattro pinne all'orizzonte