I predatori del tempo

I predatori del tempo, è un anime giapponese.

E’ composto da 53 episodi, andati in onda in Giappone dal 2 febbraio 1980 al 31 gennaio 1981. Appartiene alla serie delle Time Bokan, è la quarta serie. In italia è trasmesso per la prima volta nel 1985.

La sigla italiana dal titolo “I predatori del tempo” è stata pubblicata su un singolo nel 1986 (Gigi la trottola/I predatori del tempo). Il brano è scritto da Riccardo Zara e interpretato dal gruppo “I Cavalieri del Re“.

I predatori del tempo: la sigla completa.

I predatori del tempo

Vengono da lontano da una galattica civiltà
su una macchina lampo, predatori del tempo
scendono sulla terra da un’invisibile eternità
forse non c’e’ più scampo per l’umanità

Da un futuro antico mondo sono giunti fino a noi
dei galattici malvagi predatori,
con la macchina del tempo come fantasiosi dei
sono scesi quei lunatici corsari
forse cambierà la nostra storia se
qui nessuno ci difenderà
guerra verrà

I predatori del tempo vagabondi del mondo ci saccheggiano le citta’
neri pirati di un limbo che più cuore non ha
navigatori del tempo che derubano il mondo per la gloria e l’avidità
cambiano il corso alla storia per la loro viltà
ma i paladini della terra ormai sono già qui tra noi
le sentinelle salvastoria sai sono dei grandi eroi

Vengono da lontano da una galattica civiltà
su una macchina lampo predatori del tempo

Nell’immenso firmamento senza tempo e senza età
si nascondono dei neri bucanieri
loro scendono sul mondo come gran divinità
ma non sono che malvagi masnadieri
forse cambierà la nostra storia se
qui nessuno ci difenderà
guerra sarà

i predatori del tempo vagabondi del mondo ci saccheggiano le città
neri pirati di un limbo che più cuore non ha
navigatori del tempo che derubano il mondo per la gloria e l’avidità
cambiano il corso alla storia per la loro viltà
ma i paladini della terra ormai sono già qui fra noi
le sentinelle salvastoria sai sono dei grandi eroi

Vengono da lontano da una galattica civiltà
su una macchina lampo predatori del tempo
scendono sulla terra da un’invisibile eternità
forse non c’è più scampo per l’umanità…

Precedente Ciao Sabrina Successivo Conte Dacula